TFR: Trattameno di Fine Rapporto


Ok, anche qui mi tutti dicono la loro: c’è quello che "sei un cogl… se non vai sui fondi", quello che "no!, i soldi stanno in azienda!!" etc etc…

Noi "poveri" lavoratori-indeterminati-di-basso-livello (poveri tra virgolette perchè il contratto a tempo indeterminato, per fortuna, lo abbiamo, ma siamo comunque "precari" per le condizioni di vita) dobbiamo decidere se dare i nostri Trattamenti di Fine Rapporto (per molti di noi si configura come un calcio nel c…).

Cosa è il TFR? Leggendolo su Wikipedia (Wikipedia-TFR) risulta che il TFR "rappresenta un vero e proprio compenso differito al momento della
cessazione del rapporto di lavoro, al fine di favorire al lavoratore il
superamento delle difficoltà economiche connesse con il venir meno
della retribuzione […]
È parte integrante del salario
lordo, ma non disponibile immediatamente: si tratta di un salario
differito, del quale è proprietario il singolo lavoratore, che il
datore di lavoro trattiene e di cui è responsabile, con il compito di
reinvestirlo all’interno dell’azienda
".

Allora, fatemi capire, se questi soldi servono a superare difficoltà economiche dovute alla mancanza della retribuzione, va re-investito e il lavoratore ne è titolare, perché deve darlo a società finanziarie, banche, assicurazioni, INPS, fondi pensione etc etc senza poi avere la sicurezza di riaverli???

Perché non può essere conferito DIRETTAMENTE ai lavoratori ed ognuno ne faccia quel cavolo che vuole??? (ok, qui la risposta potrebbe essere "perché così il lavoratore è più tuteltato")

Una domanda che mi pongo spesso è: perché devo dare i miei soldi (guadagnati lavorando) ad altri, che applicando i principi di "finanza acrobatica" cercano di guadagnare (loro) rischiando soldi altrui (i miei/nostri)? vedo spingere fortemente verso i "fondi", non viene MAI detto chiaramente (Beppe Grillo nel suo blog indica i rischi) che il TFR viene investito in operazioni finanziarie che, come TUTTI dovremmo sapere, comportano sempre e comunque qualche rischio!
Del resto in Italia dovremmo essere abituati a certe "prese per i fondelli" finanziarie (nessuno si ricorda dei bond argentini? della Parmalat?)… È proprio vero quel detto politically uncorrect e un po’ omofobico, portato in televisione da alcuni comici, (
"son tutti froci, col c… degli altri"; chiedo scusa se ho urtato la sensibilità di qualcuno, non è mia intenzione) che comunque rende l’idea di quello che penso al rguardo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

  • Who read and commented Something

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: