Rientro da Frankfurt am Mein


Breve descrizione del rientro da Francoforte…

Premesse:

  •  il viaggio in aereo è stato Milano Malpensa – Frankfurt Iternational via Zurigo sia all’andata che al ritorno
  • l’andata ha visto l’aereo partire da Milano Malpensa alle 6.55 (il che ha implicato la sveglia alle 3.45, l’uscita di casa alle 4.20, un viaggio di circa 55 minuti in macchina, la ricerca del parcheggio LongTerm, etc etc)
  • il rientro era previsto come segue: partenza da Francoforte verso Zurigo alle 18.45 con arrivo previsto alle 19.35; partenza da Zurigo alle 20.30 con arrivo a Milano Malpensa alle 21.25, ritiro bagaglio, ritiro auto, ritorno in macchina

Com’è andata in realtà: arrivo in aereoporto alle 17.00 e devo fare il check in con LuftHansa che si fa SOLO ALLE MACCHINETTE che non riconoscono la carta d’identità italiana (fortuna che sapendolo mi sono portato anche il passaporto); faccio il drop del bagaglio (facendo notare la coincidenza con tempi relativamente “stretti”, la risposta è stata: “oh, you’re right, not much time to the nex flight”… alla partenza la tipa del check-in è stata più smart..) e procedo ai controlli…

Coda infinita con stewart e hostess che guidano le persone verso una coda prima dei controlli in modo da fluidificare il traffico… Vabbhé ho un’ora prima che inizi l’imbarco, penso… arrivo prima del metal detector (o è un bodyscanner?) svuoto le tasche, tolgo la giacca, il PC dalla borsa, il portafogli e la cintura (4 contenitori) e passo… mi bloccano… al che penso: “Eccheccazz…”, non faccio nemmeno in tempo a pensare che mi dirottano in un box dove un tipo mi passa su tutto il corpo una specie di cazzuola elettronica, mi fa una perquisizione con tanto di tastatina (niente niente che sia…) che penso “mink… ora che farà? si mette un guanto e mi perquisisce pure là dietro?”, ma invece mi manda a ritirare quello che è passato sotto i raggi X.

Individuo i miei cassettini, metto la cintura, riperndo la giacca e lo zaino individuo portafogli e notebook in disparte, sotto il controllo di una guardia “ma che gentili – penso – per non lasciare incustodite le cose più di valore me le hanno tenute in disparte e sotto controllo…”, niente di più sbagliato: “Sorry, Sir, we got to perform some special controls, follow me, please” e mi porta verso uno stanzino… “ecceccaz, mica  vorrano farmi la perquisizione rettale!!!!”, per fortuna non lo hanno fatto, ma mi hanno fatto spaventare lo stesso…

“This is your PC?” – “It’s my company’s” – “Ok, it’s the same, please open it…” – “I’ve got to power it on..?” nel mentre il dito va verso il tastino… “DO NOT POWER ON AND DO NOT TUCH IT!”, e il suo collega dall’altra parte prende una specie di tampone e lo passa da tutte le parti sul PC, lo mette in una macchina che sembra una fotocopiatrice (credo che sia uno spettrometro) poi mi dice “ok, evrerything clear, go away”…

Un po’ dieducazione no eh? NO… Basito mi appropinquo al gate A38 che si trova dall’altra parte dell’aereoporto (2/3 km a piedi, con un caldo torrido) senza acqua… ERRORE: verso il gate che è il mio obiettivo vendono bottigliette da 0,5 l a € 3,00 sono obbligato a prenderne 2 che finiscono nel giro di 2 secondi: la prima in 3 picosecondi, l’altra nel restante tempo…

Arrivo e mi siedo al gate A38 alle 17.45 e attendo… Alle 18.00 chiudono il gate da cui imbarcavano il volo per Oslo delle 18.15 e penso “ok, dai che tocca a noi per l’imbarco”, ma il monitor resta spento “ok, ci sarà un po’ di ritardo”…

Alle 18.30 chiedo alla tipa al banco quando hanno intenzione di imbarcare per Zurigo: la tipa incazzata nera mi risponde che “il volo è arrivato in itardo e 5 minuti fa lo abbiamo messo al gate A32″…  Ma ch le avrò mai fatto? Devo fare altri 500 m e tornare indietro, di fronte ai ladri che mi hanno venduto l’acqua…

Alle 18.45 finalmente aprono il gate e ci imbarchiamo: il volo ha circa 20 minuti di ritardo…

Arriviamo a Zurigo alle 20.00, si sbarca e si corre a vedere il gate della coincidenza per Milano (l’imbarco era previsto alle 20.00): gate A06… Eccheccazzo è dalla parte opposta dell’aereoporto!

CORRERE!!!!

Arrivo al controllo (ancora metal dedector o bodyscanner che sia) mi “spoglio”, sembra essere tutto tranquillo, ma… faccio per prendere lo zaino (NON il PC) e la tipa mi blocca…

Facciogentilmente notare che l’imbarco è già iniziato e questa gentilmente “Don’t worry it will take 2 or 3 minutes” – se perdo la coincidenza e mi tocca rimanere a Zurigo, chi paga il biglietto per l’aereo successivo? – inatnto la tipa recupera un tubo che sembra il manico di una spada laser, ci infila un tampone come quello dei tedeschi e… aspira dall’esterno dello zaino per 30/35 secondi, nasconde lo zaino e sparisce con il marchingegno per tornare dicenso “sorry for the long time, it is everything allright, you can go”… Infilo il PC e i documenti nello zaino (ore 20.25)…

 Corsa fino al Gate A06… L’aereo è in ritardo di 15  minuti, menomale, salgo sull’autobue e… “ma il bagaglio? … lo avranno già caricato sull’aereo?… mmmm non credo in 25 minuti, come diamine fanno… mi sa che devo chiedere a Malpensa… KEPPALLLE!!!!”

Arrivo a Malpensa alle 22.00 passo al ritiro baglagli con la quasi certezza di una rottura di palle, ma sai mai che dica culo… ed infatti mi ha detto culo: ore 22.20 arriva la valigia, la recupero vado a prendere la macchina, pago € 85,00 di parcheggio (esticazzi…), salgo in macchina, arrivo in autostrada e… NEBBIA…

Arrivo a casa alle 23.30… finalmente è finita, l’indomani mattina si va in montagna a cambiare aria…

Annunci
Comments
3 Responses to “Rientro da Frankfurt am Mein”
  1. calogeromira ha detto:

    A me non è piaciuta molto Francoforte.

    Se ti può interessare, dovrebbe esserci qualche testo sulla città più “economica” della Germania nel mio blog. Si può cercare “Francoforte” lì, se si vuole…

  2. leo ha detto:

    secondo me dovevi startene a casa :)
    o quanto meno farti il biglietto da solo :)

    • Panzer ha detto:

      Come avrei potuto mancare ad un evento del genere con l’occasione di mettere le mani su sistemi come una Matrix (unix, linux, OpenVMS e Winddows), un paio di X9000 e un cluster di BL860c i2 con più di 2 nodi???

      Sulla seconda… bhé forse avrei dovuto seguire di più la cosa in azienda (da Policy interna non posso acquistare io i biglietti e mettere in nota spese)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

  • Who read and commented Something

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: